Crea sito

Una passeggiata al Col Champillon

IMG_5901
Il plan de Champillon (Doues)

Agosto è agli sgoccioli, settembre è oramai lì, pronto a bussare alla porta. Come ben sapete non potrò fare il Tor des Géants per svariati motivi, il più credibile e quello per cui in effetti mi sto battendo è la mancanza di una normativa che indichi la possibilità ad atleti disabili di partecipare a delle gare di trail. Poi se vogliamo tra i motivi possiamo aggiungere “difficoltà oggettive e buon senso”, diciamo motivi più legati a pensieri personali che non mi appartengono e che non mi sentirete mai pronunciare. In ogni caso ho deciso di farmi il mio Tor, una tappa della blasonata competizione in maniera del tutto autonoma, sia a livello sportivo-tecnico che logistico. Partenza da Ollomont e arrivo a Courmayeur, 50 chilometri sull’Alta Via n.1.

IMG_5952
Tappa tecnica per l’asciugatura del moncone

Proprio qualche giorno fa sono andato a vedermi il Col Champillon, non ci ero ancora stato benché da giovane io abbia passato parecchio tempo nella Conca di By. Abbiamo lasciato l’auto al Plan de Champillon e siamo partiti in direzione del Rifugio “Adolfo Letey”, un cinquantina di minuti scarsi tra i pascoli dell’Alpe di Champillon. Una breve tappa al rifugio per un caffé ed una rinfrescata al moncone e poi via sulla prima ripida rampa che porta al colle. A metà tra il rifugio ed il colle iniziamo a godere delle luci generate dallo spostamento delle nubi e lì mio fratello ci fa perdere un pò tempo per le foto. A quel punto decido di staccarmi da lui e da mia moglie Rosy e farmi alcuni passi in solitaria.

IMG_6041
Luci ed ombre al Col Champillon

Solo io, il rumore sordo dei miei passi, il rumore del mio respiro, il rumore del vento sulle cime. Fatica a parte, un vero momento di rilassamento. Ad un certo punto il sentiero diventa molto meno ripido, sono gli ultimi metri prima del Col Champillon, in mezzo alla nebbia si sentono alcune voci portate dal vento che, avanzando, si fanno sempre più forti. Arrivato al colle le voci diventano un gruppo di persone, mi salutano, uno di loro mi ha riconosciuto da un articolo apparso alcuni giorni fa su un sito. Sono residenti a Aix-en-Provence (Francia) ma il loro cuore li riporta in Valle d’Aosta, loro terre di origine. Mi ha fatto veramente piacere scambiare due chiacchiere con loro, sentire la loro solidarietà, è una cosa che mi ha scaldato il cuore. Dopo pochissimi minuti mi hanno raggiunto anche mia moglie e mio fratello.

IMG_6046
Uno scorcio su Etroubles dal Col Champillon

Mi siedo a terra, un cambio protesi e nel frattempo il vento ci regala delle aperture sulla vallata di Etroubles e Saint Rhemy en Bosses, la in fondo c’è il sentiero che porta alla conca del Merdeux, al Rifugio Frassati e al Col de Malatrà. Alcuni minuti e si riscende. Ripasseremo di quà con “il mio Tor”.

 

Visita l’album della passeggiata a Champillon

 

.