Crea sito

Prima consegna!

    Il momento della cosegna della petizione al Sottosegretario di Stato On. Luigi Bobba. Sulla destra il deputato valdostano Rudy Marguerettaz
Il momento della cosegna della petizione al Sottosegretario di Stato On. Luigi Bobba. Sulla destra il deputato valdostano Rudy Marguerettaz

Durante le feste abbiamo fatto una cosa molto importante, grazie all’aiuto del deputato valdostano Rudy Marguerettaz siamo riusciti a consegnare la petizione firmata da oltre 47mila persone e lanciata 7 mesi fa direttamente nelle mani del Sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, onorevole Luigi Bobba. Read more

Il mio (anarchico) TOR. Un’avventura sfortunata?

IMG_7252
A spasso sulle Alte Vie della Valle d’Aosta

Ho perso una gamba tanti anni fa, un freddo sabato di febbraio. Per fare un po’ di straordinario. Ero poco più che ventenne, sposato da pochi mesi e in procinto di diventare papà. Era il 1989, non esisteva ancora il concetto di aiuto psicologico a chi subiva gravi infortuni. Non c’era nulla dopo la convalescenza, ci si doveva sbrogliare un po’ da sé.

Io sono stato fortunato, avevo mia moglie Rosy e il piccolo Patrick in arrivo, seguito poi da Alessandra e Jerome. Strada facendo ho conosciuto Pierino, amputato anche lui, che mi ha fatto capire che dovevo muovermi e praticare sport. Non sapete quanto può essere d’aiuto lo sport per riprendersi da un grave periodo di convalescenza. Ho praticato lo sci da discesa, quello nautico, ho fatto la traversata del ghiacciaio del Monte Bianco, lancio del peso, lancio del giavellotto e del disco. Read more

-1 giorno alla partenza de “Il mio (anarchico) TOR”

IMG_6431Carissime amiche ed amici, da quando ho iniziato questo progetto siete stati in tanti a tenermi compagnia, anche solo con un “mi piace” sulla pagina, anche solo leggendo un post o guardando il mio sito www.gambainspalla.altervista.org. Tanti altri li ho incontrati sui sentieri, altri mi hanno mandato messaggi. In 45mila hanno firmato la petizione. Insomma cosa posso dire? Nel cuore c’è un piccolo posto per tutti i vostri pensieri di solidarietà, grazie ancora di tutto! Read more

Il mio (anarchico) Tor

IMG_5977resize
In salita verso il Col Champillon (Doues). In basso a sinistro il Rifugio Aldo Letey

In montagna i colori iniziano a cambiare, il verde dei pascoli inizia a fare un po’ di spazio al giallo, l’aria in quota è frizzantina e fresca. Ci siamo, è arrivato settembre e tra pochi giorni darò via al mio Tor, quello anarchico, fuori dalla blasonata gara che mi è stata negata alcuni mesi fa. Read more

Una passeggiata al Col Champillon

IMG_5901
Il plan de Champillon (Doues)

Agosto è agli sgoccioli, settembre è oramai lì, pronto a bussare alla porta. Come ben sapete non potrò fare il Tor des Géants per svariati motivi, il più credibile e quello per cui in effetti mi sto battendo è la mancanza di una normativa che indichi la possibilità ad atleti disabili di partecipare a delle gare di trail. Poi se vogliamo tra i motivi possiamo aggiungere “difficoltà oggettive e buon senso”, diciamo motivi più legati a pensieri personali che non mi appartengono e che non mi sentirete mai pronunciare. In ogni caso ho deciso di farmi il mio Tor, una tappa della blasonata competizione in maniera del tutto autonoma, sia a livello sportivo-tecnico che logistico. Partenza da Ollomont e arrivo a Courmayeur, 50 chilometri sull’Alta Via n.1. Read more